Rauchbier

Rauchbier

Prima che le tecniche di essiccazione del malto si evolvessero, un sentore caratterizzava tutte le birre, quello di affumicato dato dal fumo (rauch) del fuoco, con il quale si essiccavano i cereali.

Poi le tecniche per la maltazione si sono evolute e produrre birre affumicate fu visto come un qualcosa di retrogrado e inoltre sembra che nemmeno il pubblico dell’epoca adorasse molto questo sentore.


Oggi questa tecnica tradizionale e antica allo stesso tempo vive grazie ad alcuni birrifici della Franconia e nello specifico di Bamberga che affumicano i malti su legno di faggio, un esempio ne sono le birre di Schlenkerla e di Spezial.

A livello organolettico l’affumicato può essere molto presente (100% malti affumicati) oppure lieve (20% malti affumicati). Generalmente la birra è limpida dal colore ambrato e il gioco aromatico comprende note di malto (caramello) e di affumicato che ricordano la provola o il bacon. Immaginatevi come birra regina per questa famiglia una birra in stile Märzen e aggiungete note di bacon, provola, speck.
In generale, comunque, Rauchbier può diventare qualsiasi stile di birra al quale è aggiunto, appunto, il tipico sentore rauch di questa famiglia di birre. Nascono così Rauch Hell, Rauch Weizen e così via.

Visita la nostra selezione

Se vuoi un approfondimento sulla birra rauch per eccellenza, ti invitiamo a leggere l’articolo dedicato sul sito di BIRRA for Beginners

Altri articoli